previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
Slider

Nonostante le difficoltà molte scuole non si fermano e continuano on-line la propria attività, con strumenti e modalità diverse. In questo articolo di Enrico Rialti vi suggeriamo alcuni strumenti che possono esservi utili per organizzare le vostre lezioni...

 

Logo Weschool - Tre ragazzi davanti ad un tabletWESCHOOL

Weschool è una piattaforma didattica on-line nata per consentire sia la fruizione di molti contenuti multimediali sia la creazione di aule virtuali agili e funzionali in cui docenti e studenti possono scambiare messaggi, contenuti, svolgere compiti e interagire. Gratuita, di semplice accesso, consente una bacheca per messaggi, informazioni, allegati, comunicazioni, scadenze oltre a una banca dati di materiali che l’insegnante può creare dividendole per argomento o materia (all’interno si possono caricare files, pdf, immagini, video, audio, pagine web, disegni…). E’ inoltre presente uno spazio per creare ed assegnare esercizi (risposte aperte, vero e falso, associazioni…) con tanto di registro che monitora lo svolgimento e consente sia la correzione da parte del docente che l’autocorrezione (gli esercizi sono chiaramente interattivi e facili da fare anche mediante l’applicazione su cellulare o tablet). E’ anche possibile gestire una “classe virtuale” live e, in questo periodo di emergenza, stanno implementando la funzione chat per velocizzare lo scambio di messaggi anche tra gruppi ampi.
https://www.weschool.com/

Per comprendere come utilizzare la piattaforma, i produttori hanno messo a disposizione sulla loro pagina youtube vari tutorial
https://www.youtube.com/channel/UCuNNowx9ujHq-YZOrwjRY6g/videos

Per gli studenti, anche senza aderire ad una classe creata ad hoc, Weschool consente l’acceso diretto a una enorme banca-dati di materiali digitali gratuiti creati appositamente da “prof virtuali”: video, audio, testi, esercizi, con anche la possibilità di fare domande e avere risposte. Si accede direttamente dalla home di Weschool (precedentemente questo spazio aveva il nome di Oilproject). Per gli studenti minorenni viene chiesta l’autorizzazione dei genitori per l’adesione.

Tre ragazzi davanti ad un notebookGOOGLE CLASSROOM

Google Classroom è una delle applicazione connesse agli account Google, questo rende l’accesso molto rapido e semplice per la maggiorparte delle persone. Una volta effettuata la registrazione e creata una classe (ovviamente ogni docente iscritto può creare più classi) si possono inviare gli studenti a partecipare mediante l’invio di un codice. L’ambiente di Classroom prevede una sezione “Stream” per lo scambio di messaggi e comunicazioni con anche la possibilità di allegare files, link, video; vi è poi uno spazio “Lavori del corso” in cui si possono creare cartelle condivise con al loro interno materiali, link, video sempre accessibili a tutti i partecipanti; infine è presente uno spazio “voti” per monitorare e far monitorare l’andamento delle prove che il docente può assegnare e correggere a distanza. Descrizioni più approfondite e interi kit di strumenti anologhi sono disponibili al link:
https://edu.google.com/intl/it_it/products/gsuite-for-education/

Quattro ragazzi e al centro delle lampadineEDMODO

Edmodo è una piattaforma didattica usata in tutto il mondo e interamente gratuita. Esistono lievi differenze tra le versioni, in particolare tra la versione app e la versione di accesso dal sito. In ogni caso, consente la creazione di “classi” e “gruppi”. Le classi sono spazi condivisi a cui possono aderire tutti gli studenti che invitiamo. Una volta all’interno della classe (ogni insegnante può avere più classi e ogni studente può aderire a più classi) è possibile partecipare alla discussione online (scambiare messaggi, commentare, aggiungere allegati, assegnare scadenze con un “tempo limite” entro cui rispondere allegando materiale), accedere alle cartelle condivise (l’insegnante può predisporre una intera biblioteca di materiali a cui far accedere gli studenti). I genitori possono essere coinvolti e possono a loro volta accedere e monitorare. I gruppi sono spazi collaborativi tra insegnanti.
https://new.edmodo.com

 

Tre ragazzi con fumettoSCREENCAST-O-MATIC

Screencast-o-matic è un programma che, nella versione gratuita, consente la realizzazione di videolezioni fino a 15 minuti. Riprende lo schermo (con o senza il riquadro della webcam), registra la voce e i suoni del pc. Crea video molto utili per la didattica a distanza se si impara -con un po’ di tempo - a usarlo. Rimane il problema della condivisione del video...non sempre “leggero da inviare”...è possibile inviare ai ragazzi mediante Drive, Wetransfer oppure caricando i video su youtube, salvandoli come “non in elenco”, in modo tale da non renderli visibili a tutti ma solo a chi possiede il link diretto. Il link può infatti essere inviato agli studenti via cellulare, email o caricato direttamente sulle piattaforma didattiche per rendere l’accesso al video fattibile per i ragazzi.
https://screencast-o-matic.com/